Il gioco della vita

Massimo Recalcati

Il gioco della vita

venerdì 27 maggio 2016, ore 21.15
piazza del Duomo
 euro 3.00

La psicoanalisi si occupa di come una persona può entrare nel gioco della vita senza perdere contatto con il proprio desiderio. Non di meno la nevrosi è un modo per non giocare questo gioco, per mettersi in panchina, per delegare ad altri la responsabilità dell’atto. Accade ad Amleto che rovescia il destino di Edipo: mentre Edipo non sa chi è ma agisce, Amleto sa bene tutto, ma non agisce. Il gioco del desiderio è il gioco, come insegna l’isteria, di rinviare perennemente la sua soddisfazione. In questo caso il desiderio evapora nell’utopia.
Ma esiste un desiderio diverso da quello esitante di Amleto e da quello utopico dell’isterica?
Il gioco della vita e il gioco del desiderio, raccontato e spiegato da uno degli psicoanalisti più conosciuti e autorevoli.

Massimo Recalcati è uno degli psicoanalisti lacaniani più noti in Italia. Insegna all’Università di Pavia e di Verona. È fondatore di Jonas Onlus, centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi e Direttore Scientifico della Scuola di specializzazione in psicoterapia IRPA, membro fondatore e membro analista Alipsi. Collabora con diverse riviste specializzate italiane e internazionali e con le pagine culturali de La Repubblica. Tra le sue pubblicazioni: Ritratti del desiderio (2012), Jacques Lacan. Desiderio, godimento e soggettivazione (2012), Non è più come prima (2014), Jacques Lacan. La clinica psicoanalitica: struttura e soggetto (2016), per Raffaello Cortina Editore; L’ora di lezione (Einaudi, 2014); Melanconia e creazione in Vincent van Gogh (Bollati Boringhieri, 2014); Il complesso di Telemaco. Genitori e figli dopo il tramonto del padre (2014), Le mani della madre. Desiderio, fantasmi ed eredità del materno (2015), per Feltrinelli.

Programma
edit

Lingue