Logica del dono. È sempre l'utile contro il gratuito?

Salvatore Natoli

Logica del dono. È sempre l'utile contro il gratuito?

sabato 26 maggio 2012, ore 11.00
piazza dello Spirito Santo
 euro 3.00

Il gratuito è una largizione di bene socialmente utile? Se lo chiedessimo, tutti o quasi risponderebbero che certamente lo è. Se non lo fosse non apporterebbe alcun bene: risulterebbe perciò irrilevante o, peggio, esibizionista e futile. L’utile, dunque, non contraddice di necessità il gratuito, ma, seppure non vi coincida, è ad esso congruo. Questa semplice constatazione mette in discussione il luogo comune che oppone utilità a gratuità. Di più, infrange quella retorica del dono che pateticamente lo equipara a una sorta d’inevitabile spoliazione. Al contrario, non si può intendere la natura e la grandezza del dono se non si chiarisce l’ordine e il valore dell’utilità rispetto al bene. Ma ciò esige una definizione dell’utile che, lungi da quel che comunemente si crede, non coincide con la ricerca di vantaggi personali, ma con la disposizione a operare senza contropartita per l’utile comune e perciò per il bene di tutti. Si chiama, per dirla con Spinoza, generosità. 

Salvatore Natoli, tra i principali esponenti del dibattito filosofico contemporaneo, è stato docente presso l'Università di Venezia. Attualmente insegna Filosofia teoretica all’Università Statale di Milano-Bicocca. Ha collaborato a molte riviste, tra cui Prospettive settanta, il centauro, Democrazia e diritto, Religione e società. Tra i suoi numerosi libri: L'esperienza del dolore (1986), La felicità (1994), Dizionario dei vizi e delle virtù (1996), Dio e il divino (1999), Stare al mondo (2002), Parole della filosofia o dell'arte di meditare (2004), Guida alla formazione del carattere (2006), La salvezza senza fede (2007), Il crollo del mondo (2009), Nietzsche e il teatro della filosofia (2011) per Feltrinelli; La felicità di questa vita (2001), Il buon uso del mondo. Agire nell’età del rischio (2010) per Mondadori; L’edificazione di sé. Istruzione sulla vita interiore (Laterza, 2010); I comandamenti. Non ti farai idolo né immagine (con Pierangelo Sequeri, il Mulino, 2011).

Programma
edit

Lingue